Piattaforma per acqua, gas e calore
14. ottobre 2019

G-HK

Idrogeno: un tema fondamentale

L’idrogeno è considerato la soluzione per l’energia del futuro. L’idrogeno è stato il tema dominante dell’ultima riunione della commissione principale Gas (G-HK). Nominato membro del Comitato, Michele Broggini lascia la G-HK.

Per una comunicazione efficace e senza intoppi è fondamentale chiarire la definizione delle parole tecniche utilizzate. Ciò vale anche per il settore tecnico Gas e la sua esaustiva Regolamentazione. Le definizioni in tedesco e francese che esso contiene devono ora essere armonizzate anche con gli elenchi dei corrispondenti organismi CEN. Per questo compito è stato costituito un gruppo di lavoro terminologico, che informerà la prossima G-HK in merito allo stato dei lavori.

Cambio di tempistiche per G13 e G209

La prevista proroga dell’agevolazione fiscale per i biocarburanti a fine 2021 determina le tempistiche per la revisione della Direttiva G13 «Einspeisung von erneuerbaren Gasen» (Immissione di gas rinnovabili) e del Regolamento G209. Il Regolamento riveduto sarà pertanto disponibile solo nel 2021.

La bozza della versione rivista della Direttiva G14 «Raccolta dati di incidenti» è stata presentata alla G-HK. La Direttiva si riferisce espressamente alla segnalazione e alla raccolta di dati di incidenti agli impianti di trasporto in condotta. Nella nuova versione viene fatta distinzione tra raccolta e segnalazione (danni a persone, uscita incontrollata di gas) di incidenti. I quasi incidenti ai sensi della sicurezza sul lavoro non saranno più presenti nella nuova Direttiva G14.

Quando arriva l’aumento dell’H2 nella rete del gas?

L’idrogeno è stato uno dei temi dominanti della riunione. Diversi studi indipendenti confermano che la rete del gas assumerà un ruolo chiave ai fini dell’attuazione delle strategie H2. In questo contesto l’Ufficio ha presentato il progetto di partecipazione al compendio H2 per le reti di distribuzione DBI (Gastechnologisches Institut GmbH). Il compendio consentirebbe alla SSIGA e ai suoi soci di accedere alle conoscenze aggiornate sulla compatibilità H2 di materiali e componenti. Avere accesso a queste informazioni è di fondamentale importanza per un inventario della rete attuale e futura in riferimento alla compatibilità H2 (0-100%). È inoltre necessario coinvolgere in misura maggiore fornitori e produttori dei singoli componenti. Si affronterà quindi in modo prioritario la revisione della direttiva G18 «Proprietà del gas» e con essa il problema dell’aumento del tenore di H2.

 

 

La commissione G-UK4 chiarirà se è possibile passare al 10% di H2. Il compendio H2 e la revisione della direttiva G18 rappresentano un’altra tappa sulla strada verso la strategia H2.

È già stata presentata una bozza della strategia, comprendente l’adeguamento del regolamento con maggiori contenuti di H2, progetti a tenore elevato di H2 e linee guida per l’attuazione dell’aumento dell’H2 nelle reti di distribuzione.

Michele Broggini passa al Comitato

Il 28 giugno 2019 l’assemblea dei soci ha nominato nuovo membro del Comitato Michele Broggini (AIL, Lugano), da molti anni attivo nella G-HK. Per questo motivo a fine anno lascerà la G-HK.

Idrogeno: produzione, distribuzione e consumo finale

Gas energetico privo di carbonio, l’idrogeno offre un enorme potenziale per la riduzione delle emissioni di CO2. Per questo motivo sono in corso molte attività concernenti la produzione, la distribuzione e il consumo finale di idrogeno a livello nazionale e internazionale. Nel proprio operato la SSIGA si concentra principalmente sulla preparazione delle basi utili per valutare la possibilità di utilizzare le reti di gas attuali per il trasporto dell’idrogeno. Si tratta in particolare di chiarire quali componenti e in che misura sono compatibili con l’idrogeno. Queste basi verranno messe a disposizione dei nostri soci, i quali potranno così valutare le proprie reti. Anche le reti per il solo idrogeno sono oggetto dell’analisi, perché nelle immediate vicinanze della sorgente (in genere per elettrolisi) la percentuale di idrogeno sarà molto alta, prima di miscelarsi con il metano.

In futuro si possono ipotizzare anche reti di solo idrogeno, come quelle che già oggi esistono in Gran Bretagna o nei Paesi Bassi. L’obiettivo è quello di sottoporre il regolamento a una revisione a tappe (in particolare la direttiva G18 «Direttiva per le proprietà del gas»), al fine di consentire percentuali di idrogeno maggiori rispetto al 2% oggi previsto.

La SSIGA osserva con attenzione anche gli sviluppi nell’ambito della mobilità, dal momento che questo settore rappresenta anche una possibilità di immissione. Nei luoghi di produzione dell’idrogeno, la probabilità di accumulo e di trasporto attraverso le nostre reti è particolarmente elevata.

Kommentar erfassen

Kommentare (0)

e-Paper

Con l'abbonamento online, leggere il «AQUA & GAS» E-paper sul computer, sul telefono e sul tablet.

Con l'abbonamento online, leggere il «Riflessi»-E-paper sul computer, sul telefono e sul tablet.