Piattaforma per acqua, gas e calore
21. novembre 2022

Fitosanitari e protezione dell’aria

Il Consiglio federale modifica le relative ordinanze

Il 16 novembre 2022, il Consiglio federale ha approvato la modifica di ordinanze nel settore dei prodotti fitosanitari e della protezione dell’aria. Le ordinanze modificate disciplinano in misura più severa l’utilizzo di prodotti fitosanitari e riducono le emissioni di sostanze inquinanti nell’atmosfera. Sono state adeguate l’ordinanza concernente la riduzione dei rischi nell’utilizzazione di determinate sostanze, preparati e oggetti particolarmente pericolosi, l’ordinanza sui prodotti fitosanitari, l’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico e l’ordinanza sui rifiuti.

Nel 2017, il Consiglio federale ha adottato il Piano d’azione per la riduzione del rischio e l’utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari, che prevede due misure correlate all’autorizzazione speciale necessaria per l'utilizzazione professionale dei prodotti fitosanitari: l’introduzione dell’obbligo di perfezionamento per l'utilizzazione professionale dei prodotti fitosanitari e l’accrescimento delle conoscenze sull’utilizzazione di prodotti fitosanitari nel quadro della formazione professionale di base e di quella superiore.

La revisione dell’ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici (ORRPChim) e l’adozione dell’ordinanza concernente il registro delle autorizzazioni speciali per l'impiego di prodotti fitosanitari concretizzano queste due misure. L’ORRPChim sancisce ora che i professionisti possano acquistare prodotti fitosanitari solo se sono in possesso di un’autorizzazione speciale valida. Per ottenere tale autorizzazione speciale, gli utilizzatori devono frequentare corsi specifici e superare i relativi esami.

L’autorizzazione speciale viene rilasciata in forma digitale, è inserita in un registro centrale e ha una validità di 5 anni. Può essere prolungata frequentando corsi di perfezionamento. In tal modo si garantisce un livello uniforme su scala nazionale delle esigenze e della qualità delle competenze. L’ordinanza rivista entrerà in vigore il 1° gennaio 2026.

Limitazioni per gli utilizzatori privati

Insieme all’ORRPChim è stata modificata anche l’ordinanza sui prodotti fitosanitari (OPF). Per proteggere l’ambiente e la salute degli utilizzatori, viene fortemente limitata l’autorizzazione per l’utilizzazione non professionale di prodotti fitosanitari. L’OPF modificata vieta ora l’utilizzazione a scopi privati di prodotti fitosanitari se questi ultimi rappresentano determinati rischi per la salute, sono tossici o molto tossici per gli organismi acquatici o comportano un rischio per le api. L’ordinanza rivista entrerà in vigore il 1° gennaio 2023.

Protezione dell’aria: valori limite più severi per la produzione di truciolati e pannelli di fibre

Con la revisione dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico (OIAt) vengono adattate le esigenze per la riduzione delle emissioni generate dalla produzione di truciolati e pannelli di fibre. Inoltre, nell’OIAt sono integrati anche i valori limite per la produzione di truciolati e di pannelli di fibre. Finora non esistevano disposizioni specifiche per impianto.

La modifica dell’OIAt revoca anche il vigente divieto di utilizzazione di legname di scarto negli impianti di combustione per l’essiccazione diretta dei trucioli. Al contempo, nell’ordinanza sui rifiuti (ordinanza sulla prevenzione e lo smaltimento dei rifiuti, OPSR) sono ora definiti i valori limite di sostanze nocive nel legname di scarto per la valorizzazione termica e materiale. Detti valori limite consentono di verificare la qualità del legname di scarto e sono ripresi nell’aiuto all’esecuzione sul traffico di rifiuti speciali e di altri rifiuti soggetti a controllo in Svizzera. Le modifiche dell’OIAt e dell’OPSR entreranno in vigore il 1° gennaio 2023.

Il Consiglio federale ha approvato le modifiche delle ordinanze nella sua seduta del 16 novembre 2022.

 

Kommentar erfassen

Kommentare (0)

e-Paper

Con l'abbonamento online, leggere il «AQUA & GAS» E-paper sul computer, sul telefono e sul tablet.

Con l'abbonamento online, leggere il «Riflessi»-E-paper sul computer, sul telefono e sul tablet.