Piattaforma per acqua, gas e calore
10. giugno 2021

VSA Parere

La VSA accoglie la revisione del «Pacchetto di ordinanze in materia ambientale, primavera 2022»

La VSA prende posizione in merito alle modifiche previste per l’ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici (ORRPChim) e l’ordinanza sui prodotti fitosanitari (OPF) e le accoglie favorevolmente.

L’Associazione svizzera dei professionisti della protezione delle acque accoglie con favore l’attuazione delle misure previste nel piano d’azione per la riduzione del rischio e l’utilizzo sostenibile di prodotti fitosanitari. Heinz Habegger, Presidente VSA, dichiara: «Consideriamo queste misure un passo importante e necessario sulla strada verso una migliore protezione delle nostre acque dai residui di pesticidi». Secondo il parere VSA, particolare importanza è da attribuire agli ulteriori requisiti previsti per i prodotti che devono essere autorizzati per un impiego non professionale e alle condizioni imposte per gli atomizzatori al di fuori della prova che le esigenze ecologiche sono rispettate (PER). Già da anni la VSA fa notare che l’impiego non professionale dei prodotti fitosanitari nelle case e nei giardini contribuisce notevolmente a contaminare le nostre acque. Aggiunge Heinz Habegger: «I risultati dell’osservazione ambientale sono chiari e univoci. A causa di un utilizzo improprio, i residui di pesticidi arrivano nelle acque superficiali e sotterranee, dove anche a basse concentrazioni possono danneggiare piante e animali e, infine, inquinare le nostre riserve naturali di acqua potabile».

Un nuovo capoverso dell’OPF definisce ora ulteriori requisiti per i prodotti che devono essere autorizzati per l’utilizzo non professionale. Si tiene conto del fatto che, a differenza dei professionisti, gli utilizzatori non professionali non sono formati e sono pertanto meno consapevoli dei pericoli che possono derivare dai prodotti fitosanitari a danno dell’uomo e dell’ambiente. In particolare la VSA accoglie la norma secondo cui i prodotti tossici o molto tossici per gli organismi acquatici vengono esclusi completamente dall’utilizzo non professionale. Fanno parte dei prodotti interessati soprattutto gli insetticidi che, già in concentrazioni bassissime, pregiudicano e danneggiano gli organismi viventi acquatici.

Anche il divieto degli erbicidi per un utilizzo non professionale è un passo necessario. La VSA ritiene inoltre importante che agli utenti siano messi a disposizione prodotti pronti per l’uso, in confezioni di dimensioni adeguate. Si evita in tal modo di dover diluire prodotti concentrati, operazione che aumenta il rischio di contaminazioni dell’ambiente.

Kommentar erfassen

Kommentare (0)

e-Paper

Con l'abbonamento online, leggere il «AQUA & GAS» E-paper sul computer, sul telefono e sul tablet.

Con l'abbonamento online, leggere il «Riflessi»-E-paper sul computer, sul telefono e sul tablet.